Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Papa Francesco ha nominato oggi il Prelato dell'Ordine di Malta Stampa E-mail
Sabato 04 Luglio 2015 21:47
Mons.-Jean-LaffittePapa Francesco ha nominato oggi Monsignor Jean Laffitte nuovo Prelato del Sovrano Ordine di Malta.
Nato in Francia, a Oloron-Sainte-Marie nel 1952, Monsignor Laffitte si laurea in Scienze Politiche all’Università di Tolosa nel 1973 e successivamente studia filosofia e teologia alla Pontificia Università Gregoriana a Roma e teologia morale al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, sempre a Roma. Viene ordinato sacerdote a Autun, in Francia, nel 1989.
Vescovo titolare di Entrevaux, località dell’Alta Provenza, e segretario del Pontificio Consiglio per la Famiglia dal 2009, Monsignor Laffitte succede a Monsignor Angelo Acerbi, nominato Prelato dell’Ordine di Malta da Papa Giovanni Paolo II nel 2001.
Il Gran Maestro dell’Ordine di Malta Fra’ Matthew Festing ha voluto ringraziare Monsignor Acerbi: “Esprimo i miei più profondi sentimenti di ringraziamento a Monsignor Angelo Acerbi per aver operato in questi 14 anni con encomiabile dedizione e serietà e per aver rappresentato una solida guida spirituale. Rivolgo un caloroso benvenuto e augurio di buon lavoro a Monsignor Jean Laffitte”.
Il Prelato è il superiore religioso del clero dell’Ordine nella funzione sacerdotale e vigila affinché la vita religiosa e sacerdotale dei Cappellani e il loro apostolato si svolgano secondo la disciplina e lo spirito dell’Ordine di Malta. Assiste il Gran Maestro e il Gran Commendatore nella cura della vita e dell’osservanza religiosa dei membri dell’Ordine e in tutto ciò che concerne il carattere spirituale delle opere dell’Ordine. E’ nominato dal Sommo Pontefice, che lo sceglie in una terna di nomi proposti dal Gran Maestro, previo voto deliberativo del Sovrano Consiglio. Il Prelato coadiuva il Cardinale Patrono nell’esercizio del suo officio presso l’Ordine.
 
Giornata Mondiale del Rifugiato Stampa E-mail
Martedì 16 Giugno 2015 09:48

World Refugee Day

Sabato 20 giugno 2015 associazioni nazionali, corpi di soccorso e volontari uniti per porre l’attenzione su un dramma planetario. 

Roma, 16 giugno 2015 - Il numero dei rifugiati e degli sfollati nel mondo ha raggiunto i livelli registrati alla fine della seconda guerra mondiale.  In Siria ogni 60 secondi una famiglia è costretta ad abbandonare la propria casa a causa delle violenze in corso da oltre 4 anni. Si calcola che ogni 3 secondi da qualche parte nel mondo una persona diventi sfollata. Circa 52 milioni di persone sono in fuga da calamità, guerre e carestia e la metà di questi sono bambini. Nel dettaglio, circa 17 milioni risultano rifugiati, oltre 33 milioni sfollati, ovvero costretti ad abbandonare le proprie case pur rimanendo all’interno del proprio paese, e circa 1,5 milioni richiedenti asilo. Solo nel corso del 2014 sono state presentate 866 mila nuove domande d’asilo nei paesi industrializzati, la maggior parte provenienti da siriani e subito dopo da iracheni. 
Cifre impietose che riflettono un mondo in fiamme con una moltiplicazione di nuove crisi e vecchi focolai di guerra che non si spengono. 
Sabato 20 giugno 2015 si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato, istituita oltre dieci anni fa dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Quest’anno il Sovrano Ordine di Malta ha voluto aderire alla giornata internazionale, lanciando una campagna nei paesi in cui è presente che ha come obiettivo la sensibilizzazione dell’opinione pubblica su questo dramma planetario. Ogni organismo dell’Ordine di Malta porrà l’attenzione dei media sui rifugiati nel mondo, sfruttando i suoi social media e i suoi canali di informazione. 
“Il dramma dei rifugiati non cesserà nei prossimi dieci anni. La costruzione di muri e barriere non serve a niente. Di fronte al dramma e alla disperazione di milioni di persone dobbiamo iniziare a ragionare per trovare nuovi sistemi di assistenza umanitaria, nuove forme di collaborazione con i paesi di origine, che tengano anche conto delle attuali guerre asimmetriche combattute da attori che non rappresentano gli stati” ha dichiarato in questa occasione il Gran Cancelliere del Sovrano Ordine di Malta, Albrecht Boeselager. 
Leggi tutto...
 
Il Gran Cancelliere Albrecht Boeselager ricevuto dal Ministro degli Esteri italiano Stampa E-mail
Venerdì 08 Maggio 2015 23:18
Il Gran Cancelliere dell'Ordine di Malta ricevuto dal Ministro degli Esteri italianoIl Gran Cancelliere del Sovrano Ordine di Malta Albrecht Boeselager è stato ricevuto ieri alla Farnesina dal Ministro degli Esteri italiano, Paolo Gentiloni.
Durante i colloqui è stata sottolineata la reciproca soddisfazione per le attività e le iniziative sviluppate congiuntamente. Attenzione particolare è stata rivolta ai programmi di soccorso e di assistenza degli immigrati nel Mediterraneo e alla presenza di squadre mediche composte dal personale dell’Ordine di Malta – medici, infermieri, soccorritori – sulle imbarcazioni della Guardia di Finanza e della Guardia Costiera.
Il Gran Cancelliere ha inoltre illustrato i programmi di assistenza sviluppati dall’Ordine di Malta in numerosi paesi europei, che offrono percorsi di sostegno legale e sociale ai richiedenti asilo, oltre all’assistenza medica e sociale.
Il Ministro Paolo Gentiloni ha illustrato le politiche italiane e le decisioni che recentemente sono state prese dall’Unione Europea sul delicato tema dell’immigrazione. Il Gran Cancelliere ha dichiarato che l’Ordine di Malta è pronto a proseguire il proprio sforzo umanitario, in considerazione delle decisioni che verranno prese a livello Europeo ed Italiano.
Hanno preso parte ai colloqui i rispettivi ambasciatori: per il Sovrano Ordine di Malta Giulio di Lorenzo Badia, per la Repubblica Italiana Daniele Mancini.
Il Gran Cancelliere ha potuto successivamente visitare l’Unità di Crisi del Ministero degli Affari Esteri che ha il compito di assistere gli italiani e tutelare gli interessi italiani all’estero in situazioni di emergenza, quali disastri naturali, terrorismo o instabilità politica.
Il Gran Cancelliere Albrecht Boeselager ricevuto dal Ministro degli Esteri italiano
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 28