Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Le mille storie di una terra di frontiera. A Lampedusa la visita del Luogotenente di Gran Maestro Stampa E-mail
Venerdì 29 Settembre 2017 09:28
altLampedusa, ultimo lembo d’Italia nel sud del Mediterraneo ha accolto la visita di Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, Luogotenente di Gran Maestro del Sovrano Ordine di Malta il 26 settembre.

Nei giorni in cui si è celebrato il decennale della collaborazione tra il Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera e il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, la visita ha assunto un significato speciale. Toccante è stato incontrare i volontari che operano per la salvaguardia della vita umana nel sud del Mediterraneo ed ascoltare le loro storie di quotidiano eroismo. Lampedusa ha mille storie da raccontare. Storie di accoglienza e di tragedie. Di difficoltà e di speranza.

Insieme al Gran Commendatore Fra Ludwig Hoffmann von Rumerstein e al Grande Ospedaliere Dominique de La Rochefoucauld-Montbel, nel Municipio, il Luogotenente di Gran Maestro, ha incontrato il neo Sindaco di Lampedusa Salvatore Martello. A centro dell’incontro la situazione dell’isola in seguito ai recenti accordi tra l’Italia e le autorità libiche e del rafforzamento delle capacità della Guardia Costiera Libica. Una situazione che ha visto una riduzione del numero degli sbarchi, ma anche una diversa tipologia degli arrivi. Insieme con il presidente del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta Gerardo Solaro del Borgo e del direttore nazionale Mauro Casinghini si è espressa la reciproca soddisfazione di una collaborazione ormai consolidata.
Leggi tutto...
 
Saluto del Procuratore del Gran Priorato di Roma ai membri della Delegazione di Viterbo-Rieti Stampa E-mail
Mercoledì 13 Settembre 2017 10:28

BASILICA DELLA MADONNA DELLA QUERCIA 10 SETTEMBRE 2017
altCavalieri, Dame, Donati e Donate della Delegazione di Viterbo-Rieti, è stato per me un privilegio l’avere il 10 settembre scorso partecipato, assieme al vostro Delegato ed a voi stessi, alla solenne Liturgia Eucaristica celebrata dal Vescovo di Viterbo, S.E. Mons. Lino Fumagalli, nella Basilica della Madonna della Quercia.
Ricorrevano non solo i seicento anni del culto della venerata immagine della Madonna della Quercia che si conserva nella Basilica, ma anche i cinquecentocinquanta anni del “Patto d’Amore” con Nostra Signora che Viterbo proclamò nel 1467 in gratitudine per la cessazione della peste che aveva infierito nella zona. A tale Patto presero parte anche i Cavalieri dell’Ordine di S.Giovanni di Gerusalemme. 
Al fine di solennizzare le due ricorrenze il Santo Padre ha indetto un anno Giubilare straordinario per la Diocesi di Viterbo. Esso ha avuto inizio con l’apertura, da parte di S.E. il Vescovo, della Porta Santa della Basilica, alla quale abbiamo assistito assieme.
Il trascorrere dei secoli non ha fatto venire meno il legame del nostro Sovrano Militare Ordine di Malta con la Tuscia. Infatti l’anno prossimo ricorre il cinquantenario della solenne visita qui effettuata nel 1968 da S.A.E. il Gran Maestro dell’Ordine, Frà Angelo de Mojana. Una grande lapide la ricorda nella Basilica.

Leggi tutto...
 
Pellegrinaggio del Gran Priorato a Santa Maria degli Angeli Stampa E-mail
Lunedì 11 Settembre 2017 09:38
altSabato 9 settembre si è svolto l’annuale pellegrinaggio del Gran Priorato di Roma alla basilica di Santa Maria degli Angeli - Assisi, per rendere omaggio alla Madonna del Fileremo.
A guidare il pellegrinaggio S.E. il Luogotenente di Gran Maestro, Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto,accolto da S.E. il Procuratore del Gran Priorato, Amb. Amedeo de Franchis.
Gli oltre 250 partecipanti hanno assistito alla Santa Messa solenne celebrata da Sua Eminenza Reverendissima il cardinale Paolo Sardi, Cardinale Patrono Emerito, concelebrata dal S.E. Reverndissima Mons. Angelo Acerbi, Prelato Emerito, e al termine hanno sostato davanti alla cappella in cui è esposta l’icona della Santa Vergine del Fileremo.
Nel pomeriggio i pellegrini si sono riuniti nuovamente per la recita del Santo Rosario meditato.
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 8 di 57