Incontro sul tema: "Lourdes, grazia e misericordia per tutti"

Sabato 23 gennaio alle ore 18,30 presso l’Auditorium del Museo Diocesano di Molfetta si è svolto un incontro sul tema: Lourdes, grazia e misericordia per tutti. Relatore è stato il Cavaliere di Giustizia, dott. Fra’ Alessandro de Franciscis, Presidente del Bureau des Constatations Mèdical di Lourdes. Alla serata ha partecipato anche uno folto gruppo delle sezioni dell’UNITALSI presenti sul territorio della Delegazione dell’Ordine. L’emozione che si prova arrivando al Santuario di Lourdes per il pellegrinaggio è particolare – ha affermato de Franciscis – perché suscita con un certo timore e nello stesso tempo dona serenità. È un’esperienza spirituale che favorisce l’incontro con Dio tramite Sua Madre Maria. Tuttavia l’esperienza si rende ancora più speciale quando si svolge accompagnando i Signori Malati, così come avviene durante il pellegrinaggio internazionale dell’Ordine di Malta. Fra’ Sandro, poi, ha accennato alla vicenda personale di Santa Bernardette ed ha presentato alcuni casi di guarigioni inspiegate come se si stesse vivendo un “viaggio speciale” tra un’umanità variegata. Il pellegrinaggio – ha continuato – resta sempre un’esperienza singolare per le centinaia di ammalati che si recano a Lourdes, come pure per le tante persone sane, ma desiderose di leggersi nello spirito, di scalfire la quotidianità e di fermare un po’ la corsa del tempo.A Lourdes, il tempo è scandito dalle visite alla grotta, dalle messe, dalle processioni, dai momenti di raccoglimento e di incontro. Tutto per meditare sulla presenza di Maria: questa Madonnina di gesso, piccola, collocata in un anfratto della Grotta di Massabielle. Lei è lì, guarda e osserva dall’alto le migliaia di pellegrini che ogni giorno vanno a farle visita. L’esperienza forse più toccante e coinvolgente che si può vivere a Lourdes è “il bagno” nelle piscine. Fra’ Alessandro, infine, ha illustrato il lavoro svolto dal Bureau des Constatations Mèlicales, sin dalla sua costituzione avvenuta nel 1883, rimasto l’unico di questo genere ad essere stato costituito presso un santuario. Egli si è soffermato a spiegare la particolarità dell’incarico svolto dal Bureau e ha mostrato alcuni referti relativi a casi di guarigioni rimaste inspiegate. Egli ha precisato che non è compito del Bureau dichiarare la verità di un miracolo, perché tanto spetta all’autorità ecclesiastica. Il Bureau, invece, è impegnato ad accertare quanto sia avvenuto sotto il profilo medico e scientifico ed eventualmente a dichiarare l’inspiegabilità di una guarigione avvenuta presso il santuario. L’incontro ha ottenuto un grande apprezzamento da parte dei partecipanti ed ancora di più ha messo in luce le motivazioni caritative che spingono i membri dell’Ordine ad assistere e ad accompagnare i Signori Malati durante i pellegrinaggi. {phocagallery view=category|categoryid=148|limitstart=0|limitcount=0}