Il Patriarca di Venezia celebra la festa in San Giovanni Battista Stampa E-mail
Martedì 26 Giugno 2018 11:22


Venezia, 24 giugno 2018.  Nella occasione della festa patronale si sono ritrovati a Venezia nella antica Chiesa di San Giovanni Battista di Malta i Cavalieri e le Dame del Gran Priorato, i Cavalieri di Giustizia e i Delegati Gran Priorali, la rappresentanza del Corpo Militare e quella del Cisom e numerose autorità civili e militari. Il Procuratore ha accolto alla porta d'acqua S.E. Rev.ma Mons. Francesco Moraglia Patriarca di Venezia Cappellano Gran Croce Conventuale ad honorem dell'Ordine giunto per celebrare l'Eucarestia nella solennità della nascita di San Giovanni Battista.
Entrato nel Palazzo Priorale e poi nella Chiesa é stato accolto dal Cappellano Capo Mons. Marco Maria Navoni che gli ha offerto l'aspersorio col quale, varcando la navata, ha impartito la sua benedizione.
La Santa Messa é stata arricchita dalla benedizione della nuova immagine della Vergine Nicopeia, patrona della città di Venezia e del Gran Priorato, che é stata in questa occasione collocata nel presbiterio.
 
Concerto polifonico in San Giovanni di Malta, Venezia Stampa E-mail
Domenica 29 Aprile 2018 13:34



Venezia, 26 aprile 2018. Nel quadro delle iniziative culturali del Gran Priorato, il gruppo Assistenza Melitense Ammalati della Delegazione di Venezia, che svolge la sua attività a sostegno dei ricoverati nell’Ospedale Fatebenefratelli e nella casa di riposo di S. Lorenzo, oltre ai malati di Alzheimer, mediante stimolazione cognitiva, nei locali di questo stesso complesso, hanno promosso un concerto di brani polifonici e di organo inteso a far rivivere le esperienze del cinquecento europeo.

Nel 1498 iniziò il consistente restauro del Palazzo e il rifacimento della chiesa veneziana di San Giovanni Battista dell’Ordine di Malta, commissionati dall’allora Gran Priore Fra' Sebastiano Michiel, che trasformò l’edificio precedente, d’impianto romanico, a tre navate, nell’ attuale spazioso e sontuoso unico ambiente.

Le pareti furono ornate con ben sette altari e dipinti di eccellente fattura, tra cui l’Annunziata di Palma il Giovane (ora a Boston) e il Battesimo di Cristo di Giovanni Bellini, commissionato nell’anno 1500. Questa tavola, recante anche il ritratto del committente Gran Priore Michiel inginocchiato, era all'epoca la pala dell’altar maggiore prima di essere portata via nella spoliazione napoleonica e poi fortunosamente recuperata alla Chiesa ed oggi collocata sulla parete di destra.

Anche lo splendido organo Callido fu sottratto, per essere rimpiazzato nel 1842 dallo strumento dell’organaro padovano Angelo Agostini che utilizzò parti di quello più antico. Per tutto il cinquecento la chiesa ospitò la più raffinata musica cerimoniale del Rinascimento.

Il concerto vuole riproporre il repertorio in auge nel secolo XVI con brani vocali di polifonia sacra, fiamminga, italiana e sovranazionale per voci e per organo.

Ad Parnassum è un quartetto vocale di formazione inglese apprezzato a livello internazionale che collabora con l’orchestra de “l’ Offerta Musicale” di Venezia diretta dal maestro Riccardo Parravicini. Coltiva il repertorio musicale dell’età Rinascimentale e Barocca, con particolare riguardo alla produzione sacra e profana dei secoli XV, XVI e XVII. Maria-Lisa Geyer soprano; Olivia Knops contralto; Daniel Hanlon tenore; Fraser Paterson basso.

Paola Talamini diplomata in Pianoforte presso il Conservatorio di Musica “Benedetto Marcello” di Venezia, in Organo e Composizione Organistica e Clavicembalo al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, con diploma europeo di alto perfezionamento in prassi esecutiva antica al Centro “Nicolò Vicentino” di Valdagno e con laurea specialistica in Organo al Conservatorio di Venezia. Ha conseguito il diploma dell’Ufficio Liturgico Nazionale della CEI presso la Pontificia Università Lateranense di Roma e il diploma di Magistero in Canto Gregoriano del Pontificio Istituto Ambrosiano di Musica Sacra di Milano. Numerose le pubblicazioni di musica inedita del Settecento da lei curate.

 

 

Musica fiamminga e musica italiana: a confronto

 

Heinrich Isaac (c.1450 – 1517)

Gustate et videte

 

Josquin Des Pres (1450 – 1521)

Ave Maria

 

Adrian Willaert (c.1490 – 1562)

O magnum mysterium

 

Clemens non Papa (c.1500 – 1556)

Magi veniunt ab oriente

 

Jakob Arcadelt (1514 – 1568)

Haec dies

 

Andrea Gabrieli (1510 – 1586)

Sacerdos et pontifex

 

Giovanni Pierluigi da Palestrina (1525 – 1594)

Alma redemptoris

 

Orlandus Lassus (1532 – 1594)

Jubilate Deo

Organo

 

Nicolò Vicentino (1511 – 1576)
da “Madrigali a cinque voci - Libro V” Milano, 1572 La bella, Canzone da sonare (inedito)

Polifonie d’oltre con ne: Spagna, Inghilterra, Germania

 

Cristobal Morales (1500 – 1553)

Regina caeli

 

Tomas Tallis (1505 – 1585)

Euge caeli

 

Tomas Luis de Victoria (1548 – 1611)

Ne timeas Maria

 

Hans Leo Hassler (1564 – 1612)

Cantate Domino

 

William Byrd (1543 – 1623)

Ave verum

Organo

 

Claudio Monteverdi (1567–1643)
dal “Vespro della B. V. Maria” Venezia, 1610 Sonata sopra Sancta Maria ora pro nobis

L’apice della polifonia italiana

 

Felice Anerio (1560 – 1614)

Christus factus est

 

Francesco Soriano (1549 – 1621)

Regina caeli

 

Luca Marenzio (1553 – 1599)

O rex gloriae

 

Giovanni Pierluigi da Palestrina (1525 – 1594)

Sicut cervus

 
I incontro dei Cavalieri di Giustizia e dei Membri in Obbedienza del Gran Priorato a Venezia Stampa E-mail
Lunedì 23 Aprile 2018 10:21

Venezia, 21 aprile 2018. Nella sede più antica che l'Ordine possiede in Italia si é tenuto il primo incontro dei Cavalieri di Giustizia e dei Cavalieri e Dame in Obbedienza del Gran Priorato. L'iniziativa, a sei mesi di distanza dagli esercizi  spirituali é stata l'occasione per presentare l'impegno attuale del Gran Priorato, le cose fatte e i progetti in cantiere.
Nel contesto della visista dei luoghi é stata presentata la pubblicazione sulla storia e l'attualità del Gran Priorato intitolata "Infirmis servire regnare est", che ricorda fin dal titolo l'impegno a favore dei bisognosi e dei malati.
Nella Messa conclusiva celebrata da Mons. Arnaldo Greco Cappellano Novizio di Giustizia, la giornata ha avuto il suo apice con la emissione della promessa di obbedienza di tre cavalieri e una dama che vanno ad aggiungersi alla folta schiera di coloro che operano con particolare dedizione già nel Gran Priorato. Non meno importante la presenza di una rappresentanza del Cisom del Gruppo di Venezia fra i quali alcuni Soccorritori e Medici che per il loro impegno nel Canale di Sicilia hanno ricevuto la Refugee Aid Medal a ricordo e ringraziamento del servizio prestato.
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 10