Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Stampa E-mail
Mercoledì 06 Luglio 2016 09:59

altFIRENZE 10 GIUGNO 2016
Per lunghissimi anni la lastra tombale, la teca e le spoglie mortali del Beato Pietro Pattarini da Imola , Gran Priore e Beato del nostro Ordine, deceduto a Firenze nel 1320 ca durante un viaggio,  sono state custodite all’interno di una chiesa in pieno centro cittadino in quella che era l’antica  commenda dell’Ordine di S Jacopo in Campo Corbolini, posta ancora oggi in via Faenza .

Con il tempo il ricordo del Beato si è quasi perso nell’oblio e l’immobile è passato di proprietà in proprietà divenendo un centro di studi linguistici.

Qualche tempo fa però, grazie all’interessamento dell’allora Delegato -marchese don Raffaele Carrega Bertolini principe di Lucedio- di altri confratelli e di persone di buona volontà, si è avviato un laborioso iter al fine di ottenere che le spoglie del Beato Pietro potessero essere conservate in un luogo più dignitoso ed adatto alla venerazione ed alla preghiera.

Grazie alla generosa disponibilità del proprietario del complesso, lo scorso 10 giugno, alla presenza di S. Em. R. il Cardinale Giuseppe Betori, Arcivescovo di Firenze si è finalmente concluso l’iter amministrativo-canonico con la formale apposizione dei sigilli e la traslazione della teca del Beato Pietro Pattarini da Imola nella basilica di S Lorenzo che è stata posta sotto l’altare della Madonna, ridonando finalmente maggiore dignità e visibilità alla venerazione dei fedeli a questo nostro Beato poco conosciuto dai più.

 La delegazione organizzerà una cerimonia per celebrare e ricordare questa occasione.
alt

alt

alt