Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Smart Sapper 2015 Stampa E-mail
Giovedì 23 Luglio 2015 12:46
Il 26 giugno 2015 si è conclusa presso il poligono "Gigli" nella Città Militare della Cecchignola in Roma, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Difesa, On. Domenico Rossi, e del Capo di SME, Generale di Corpo d'Armata Danilo Errico, l'esercitazione dell’Arma del Genio "Smart Sapper 2015" che ha visto impiegati circa 170 militari di diversi reparti della Forza Armata e decine di mezzi specialistici. Tale esercitazione si è concentrata sulle procedure e sulle capacità operative del personale impiegato sul territorio nazionale ed in missioni internazionali, con particolare attenzione alle attività di protezione delle forze amiche (Force Protection e Counter Improvised Explosive Devices). Il personale del 2° Reparto del Corpo Militare ACISMOM ha fornito non solo il supporto sanitario mediante l’installazione di una tenda PMA nei pressi della tribuna d'onore ma ha altresì partecipato attivamente all’esercitazione intervenendo con un nucleo operativo all'interno della Forward Operating Base (FOB). Nello specifico, presso la tenda PMA è stata garantita assistenza sanitaria al personale impiegato nelle fasi di preparazione e ai militari e civili presenti in tribuna, mentre il nucleo presente nella FOB ha prestato assistenza sanitaria ai militari impiegati nell'esercitazione ed è stato coinvolto durante le fasi dell'ammassamento e dello schieramento per la presentazione dei diversi reparti della Forza Armata.
 
Somalia 2015 Stampa E-mail
Martedì 21 Luglio 2015 09:44
Il Corpo Militare, oltre a fornire supporto sanitario alla Forza Armata di riferimento, svolge diverse attività legate all'assistenza dei più bisognosi e dei sofferenti, in ossequio a quei principi che contraddistinguono l'Ordine di Malta, continua l'attività del Corpo Militare in favore delle popolazioni dove sono presenti i contingenti delle nostre Forze Armate. Tale attività, svolta in collaborazione con il CIMIC, ha visto personale del nostro Corpo Militare donare un molino per cereali alla comunità di Magadiscio, con il supporto della cellula CIMIC del contingente italiano EUTM (European Union Training Mission-Somalia). Oltre al molino è stata fornita anche la formazione per il corretto utilizzo dello stesso, come già avvenuto in Kosovo e in Libano. Al contempo avendo aderito al progetto internazionale "Stop war... Play football", il nostro personale ha distribuito palloni ed abbigliamento sportivo ai giovani somali. Questa grande iniziativa umanitaria prevede nelle maggiori nazioni colpite da conflitti, la distribuzione ai bambini di palloni e abbigliamento da calcio, così da combattere il fenomeno sempre più tristemente diffuso del "bambino soldato". Sono stati presenti alla consegna delle donazioni: Minister Adiaziz Arman (Vice Ministro dell'Agricoltura); Abdiaziz Amalo (Senior Advisor - Ministero dell'Agricoltura); Hon. Osman Aden Dubow (Vice Ministro dei Giovani e dello Sport); Capt. Hussein Moghe (Rappresentante Municipalità di Mogadiscio)
 
Accreditamento provider corsi BLS-D Stampa E-mail
Martedì 21 Luglio 2015 09:43
Il 26 giugno 2015 è stato concesso al Reparto Operativo di Emergenza - ROE del Corpo Militare A.C.I.S.M.O.M. l'accreditamento per l'erogazione di corsi di formazione per esecutori BLS-D (Basic Life Support and Defibrillation). Si tratta di un importante traguardo ed un riconoscimento che corona anni di impegno da parte del ROE e dei suoi operatori nella formazione orientata alla gestione dell'emergenza e delle procedure di soccorso, di salute pubblica e salva vita. Il ROE, rispondendo appieno ai requisiti previsti dalla normativa vigente, diventa quindi Provider per corsi di primo soccorso con possibilità di brevettare operatori laici all'uso extraospedaliero dei Defibrillatori Semiautomatici (DAE). L'iter per l'accreditamento ha comportato la creazione di una segreteria corsi e formazione e di un centro didattico con aula attrezzata e dedicata alla formazione non solo frontale ma principalmente pratica e professionalizzante oltre alla e realizzazione di un "Manuale di Primo Soccorso" per i frequentatori dei corsi. Questo manuale, redatto secondo le Linee Guida I.L.C.O.R. e approvato dal Dipartimento per la Salute e il Welfare della Regione Abruzzo - come ci sottolinea il Col Mario Fine, Comandante del Corpo Militare - è frutto della collaborazione del Corpo Militare A.C.I.S.M.O.M. con il Dipartimento di Medicina Clinica, Sanità Pubblica, Scienze della Vita e dell'Ambiente dell'Univeristà degli Studi di L’Aquila e con il Servizio di Emergenza - Urgenza 118 della A.U.S.L. 4 - Teramo e nasce, principalmente, dall’esigenza di fornire al militare, moderno e professionista, quelle cognizioni di base necessarie per farne un buon soccorritore e per permettergli di operare in condizioni critiche e nella massima sicurezza svolgendo una valida attività di soccorso nei confronti del compagno ferito o infortunato. Il manuale è stato concepito per essere utilizzato dai “soccorritori laici” abilitati all’uso del DAE e, in particolare, per i frequentatori dei corsi per esecutori di “Basic Life Support and Defibrillation (BLS-D)”, “Basic Traumatic Life Support (BTLS)” e di “Primo Soccorso” organizzati dal ROE, pertanto il suo uso ottimale presuppone la partecipazione a detti corsi nei quali il docente trasferisce all’allievo tutte le informazioni, illustrando e commentando le slides e le figure, riportate ed evidenziate nel manuale, che stabiliscono un chiaro punto di riferimento e di richiamo alla memoria per l’impiego corretto delle tecniche acquisite. In uno spazio così ridotto - conclude il Col Fine - quale è quello di un manuale di uso pratico, si è cercato di dare una priorità agli argomenti fondamentali quali la rianimazione cardio-polmonare e le tecniche e procedure del “Basic Life Support” inserendo anche quegli argomenti che richiedono un intervento rapido e immediato da parte del comune soccorritore e possono rappresentare per il militare, in libera uscita o impegnato in operazioni anche fuori area, eventi critici cui dovrà far fronte. Il Corpo Militare così ha una pedina in grado di sviluppare autonomamente progetti formativi rivolti alle esigenze del personale militare (ma non solo) diffondendo ancor più la cultura dell'emergenza intesa come sostegno e assistenza alle fasce più deboli e bisognose
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 34