Messaggio
  • Informativa Privacy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per gestire l’autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando questo sito web, accetti che questi tipi di cookie vengano registrati sul tuo dispositivo.

    Visualizza l’informativa sulla Privacy

Stampa E-mail
Mercoledì 06 Aprile 2005 01:00
Il CISOM, Corpo italiano di soccorso del Sovrano Ordine di Malta, è un organismo di volontariato sempre impegnato in prima linea per portare assistenza e soccorso alle popolazioni in stato di necessità. Fondato dal 1970 svolge servizi di carattere sanitario con l’ausilio di personale medico, paramedico e soccorritori.

Da sabato 2 aprile 2005 e per tutta la durata della settimana dedicata al pellegrinaggio verso la basilica di San Pietro per rendere omaggio al Santo Padre, il CISOM è presente nell’area di via della Conciliazione con due postazioni di soccorso, una fissa (in via Cavalieri del Santo Sepolcro) l’altra mobile (in prossimità della Stazione di San Pietro), ed un team di oltre 100 tra medici, paramedici e volontari mobilitati per prestare servizio su tre turni di otto ore ciascuno, 24 ore su 24. A questo gruppo si sono aggiunti sul campo, da ieri, anche otto medici del corpo di soccorso tedesco dell’Ordine.
 
Il CISOM, Corpo italiano di soccorso del Sovrano Ordine di Malta, è un organismo di volontariato sempre impegnato in prima linea per portare assistenza e soccorso alle popolazioni in stato di necessità. Fondato dal 1970 svolge servizi di carattere sanitario con l'ausilio di personale medico, paramedico e soccorritori.
Da sabato 2 aprile 2005 e per tutta la durata della settimana dedicata al pellegrinaggio verso la basilica di San Pietro per rendere omaggio al Santo Padre, il CISOM è presente nell'area di via della Conciliazione con due postazioni di soccorso, una fissa (in via Cavalieri del Santo Sepolcro) l'altra mobile (in prossimità della Stazione di San Pietro), ed un team di oltre 100 tra medici, paramedici e volontari mobilitati per prestare servizio su tre turni di otto ore ciascuno, 24 ore su 24. A questo gruppo si sono aggiunti sul campo, da ieri, anche otto medici del corpo di soccorso tedesco dell'Ordine.
Dalle prime ore di domenica mattina 3 aprile alle ore 8 di mercoledì 6 aprile di presenza, sono già stati effettuati 240 interventi di primo soccorso, e si prevede che le richieste di aiuto andranno ad aumentare nel corso delle prossime ore con l'incremento del numero di pellegrini presenti nell'area di via della Conciliazione.
Nelle postazioni CISOM vengono svolte in questi giorni attività di primo soccorso, stabilizzazione, definizione dei codici di gravità per ciascun paziente. In caso di necessità, i pazienti vengono inviati per ulteriori cure nelle strutture ospedaliere del bacino di Santo Spirito grazie alla disponibilità di cinque ambulanze che completano la dotazione della struttura approntata dal CISOM.
Le due tende blu dell'Ordine di Malta vanno ad aggiungersi alla postazione fissa che l'Ordine presidia per il normale servizio di assistenza ai pellegrini ogni mercoledì e domenica in occasione delle udienze pontificie, ora rinforzata e resa operativa senza soluzione di continuità, sotto la guida del prof. Buzzonetti e la direzione sanitaria del Vaticano.
Grazie ad una convenzione con il Vaticano, il personale dell'Ordine è l'unico organismo a cui è consentito l'accesso sulla piazza San Pietro condividendo la responsabilità sanitaria con la Città del Vaticano, una conferma del ruolo e riconoscimento di professionalità e efficacia del corpo di soccorso dell'Ordine di Malta.
Tutte le attività di primo soccorso CISOM si svolgono sotto il coordinamento del 118 in stretto accordo con la Protezione Civile Italiana, che ha convocato il corpo di soccorso italiano dell'Ordine di Malta, fin dai primi momenti di afflusso dei pellegrini verso la Basilica, con chiamata diretta, per operare all'interno dell'Unità di crisi.
“L'evento, preannunciato di grande portata per la città di Roma, sta superando qualunque nostra ipotesi della vigilia. Abbiamo portato in questa particolare occasione tutta l'esperienza da noi accumulata durante il Giubileo del 2000 e in tutte le situazioni di conflitto e di emergenza come quelle tuttora aperte nel sud est asiatico e in Darfur: abbiamo dimostrato di essere pronti ad accogliere e sostenere i pellegrini che stanno affluendo per l'ultimo saluto al Santo Padre” dichiara Francesco Pinto Folicaldi, responsabile Cisom per il Progetto San Pietro, coadiuvato da Federico Gargallo e dal prof. Carlo Simili per la direzione sanitaria degli interventi di primo soccorso.
Il CISOM è diretta emanazione dell'ACISMOM, Associazione dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta. Fondata nel 1877, l'ACISMOM conta oggi 3.000 membri impegnati in opere assistenziali, mediche e sanitarie, spesso al fianco della Protezione Civile Italiana. Fin dalla sua fondazione, l'Associazione collabora, sulla base di convenzioni stipulate negli anni con il Ministero della Difesa, con il proprio Corpo Militare impiegato per servizi di assistenza medica e mantenimento della pace in caso di conflitto o calamità naturali, con la definizione di Corpo Militare Ausiliario dell'Esercito Italiano.
L'ACISMOM gestisce inoltre a Roma un presidio sanitario, l'Ospedale San Giovanni Battista alla Magliana (via Ercole Morselli 13), specializzato in riabilitazione con particolare riferimento a pazienti con traumi di tipo neurologico, ed accreditato con il servizio sanitario nazionale. La struttura, che dispone di 240 posti letto, è divisa in quattro divisioni, ubicate su due piani, e di un reparto ad alta intensità di cura.
Inoltre, l'ACISMOM ha sotto la propria diretta responsabilità un'importante rete di poliambulatori e centri antidiabete distribuiti sul territorio nazionale.